Il clima di fiducia nel commercio al dettaglio e nel settore del commercio e della riparazione di veicoli peggiora nettamente rispetto allo scorso anno. La situazione è particolarmente difficile nel comparto dell’abbigliamento e, in generale, in tutte le branche fortemente legate al turismo. Ciò emerge dall’indagine estiva del Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano.



Il 43 percento delle imprese altoatesine del commercio al dettaglio giudica negativamente la redditività nel 2020. Tale valore rispecchia le difficoltà che stanno vivendo gli operatori di questo settore, in particolare coloro che conseguono una parte significativa del proprio fatturato con i turisti.
Ad aprile il volume d’affari è stato mediamente inferiore di oltre un terzo rispetto allo stesso mese del 2019. Ancora a maggio, quando sono venute meno le limitazioni alle aperture dei negozi, la contrazione del fatturato è stata di circa un quinto. I commercianti hanno dovuto fronteggiare anche un incremento dei costi, dovuto alle misure necessarie per limitare la diffusione dell’epidemia. Lamentano, inoltre, un inasprimento delle condizioni di accesso al credito e un deterioramento della puntualità nei pagamenti dei clienti. In generale, l’epidemia e il lockdown hanno comportato un peggioramento della competitività, soprattutto rispetto ai grandi operatori del commercio online.

A risentire maggiormente della crisi sono stati i piccoli esercizi: i due terzi delle imprese fino a tre addetti e la metà di quelle tra quattro e nove addetti valutano negativamente la redditività, mentre tale quota scende a poco più di un quarto tra le imprese con almeno 50 addetti.



La redditività è nettamente peggiorata in tutti i comparti merceologici. La situazione è particolarmente difficile per i negozi di abbigliamento e calzature, molti dei quali hanno fatto affidamento sui saldi di fine stagione per svuotare i magazzini e reperire nuova liquidità in vista dell’autunno. Tra i comparti in maggiore sofferenza figurano anche la cosmetica e il commercio ambulante. Una parziale eccezione è costituita dai supermercati, che segnalano fatturati in leggera crescita e una redditività quasi sempre soddisfacente.



Anche nel settore del commercio e della riparazione di veicoli il clima di fiducia è decisamente peggiorato rispetto allo scorso anno: meno di due terzi delle imprese considerano infatti soddisfacente la redditività. La dinamica dei fatturati è stata anche qui fortemente penalizzata dalle chiusure, con perdite che ad aprile hanno superato il 50 percento rispetto allo stesso mese dello scorso anno, per poi scendere a un quarto a maggio. Un segnale di ripresa è arrivato dalle vendite a privati in giugno, ma nello stesso mese i due terzi degli operatori del settore lamentavano ancora una domanda inferiore rispetto ai livelli precrisi, anche a causa della riduzione degli investimenti in veicoli avvenuta negli altri comparti dell’economia. Molti operatori e operatrici sono inoltre preoccupati dal brusco peggioramento della puntualità dei pagamenti della clientela.

Il Presidente della Camera di commercio di Bolzano Michl Ebner ricorda le possibilità offerte dalla digitalizzazione nel settore del commercio al dettaglio: “È importante che anche i piccoli commercianti colgano le opportunità offerte dalla rete per aprire nuovi canali di vendita. Al contempo, le istituzioni devono sostenere e incoraggiare questo cambiamento. La Camera di commercio, con il suo Punto Impresa Digitale, affianca le imprese nel loro percorso di digitalizzazione e nella realizzazione di uno shop online.”