Il clima di fiducia nel commercio al dettaglio e nel settore del commercio e della riparazione di veicoli peggiora leggermente rispetto allo scorso anno. La redditività viene comunque giudicata soddisfacente dalla grande maggioranza delle imprese. Ciò emerge dall’edizione estiva del Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano.

La redditività nel 2019 viene giudicata positivamente dall’86 percento delle imprese del commercio al dettaglio altoatesino. Rispetto allo scorso anno, però, sono diminuiti gli esercenti che confidano in un risultato d’esercizio davvero “buono” e quasi tutti segnalano una redditività solo “soddisfacente”.



In particolare, nonostante un leggero incremento dei prezzi di vendita, il volume di affari non è aumentato rispetto allo scorso anno e si registra addirittura un calo per quanto riguarda la clientela di altre province italiane. Molti commercianti lamentano un incremento dei costi e un peggioramento della situazione competitiva, nonché un aggravamento delle condizioni di accesso al credito.



Si osservano inoltre grandi differenze tra i diversi comparti merceologici. Il clima di fiducia migliore si riscontra nel commercio fuori sede fissa (ambulante e online), dove quasi un terzo degli operatori confida quest’anno in una redditività davvero “buona”. Indicazioni positive provengono anche dai supermercati, che segnalano fatturati ed investimenti in crescita. Le maggiori difficoltà emergono invece nel commercio di mobili e articoli di arredamento, con oltre un terzo delle imprese che prevede un risultato economico insoddisfacente nel 2019.



Anche nel settore del commercio e della riparazione di veicoli il clima di fiducia è leggermente peggiorato rispetto allo scorso anno, ma rimane su livelli elevati: il 91 percento delle imprese considera infatti soddisfacente la redditività. La dinamica dei fatturati si mantiene positiva, così come l’andamento occupazionale, ma calano gli investimenti.

Il Presidente della Camera di commercio di Bolzano, Michl Ebner, ricorda l’importante funzione dei servizi di vicinato: “Il commercio al dettaglio in Alto Adige ha anche un significativo ruolo sociale per il mantenimento della qualità di vita nelle zone periferiche. Trovare un giusto equilibrio che garantisca la coesistenza dei piccoli negozi con la grande distribuzione e l’e-commerce è fondamentale.”