Lo studio dell’IRE evidenzia, che un numero elevato di nuove creazioni di impresa dice ben poco sullo sviluppo economico o sulla competitività di una determinata regione geografica. Sta di fatto che in Alto Adige il tasso di mortalità delle imprese è il più basso d’Italia e che le imprese di nuova costituzione che sopravvivono i primi 5 anni sono più della metà (il 54 percento): si tratta di un’incidenza ben maggiore che non nel resto d’Italia (il 50 percento) e d’Europa (il 46 percento). Inoltre, sono importanti tutte le forme di dinamica imprenditoriale. Accanto alle nuove creazioni di impresa, svolgono un ruolo di primo piano soprattutto le successioni aziendali. Per entrambe è di fondamentale importanza che si provveda a garantire la capacità di sopravvivenza attraverso una consulenza mirata e la qualificazione.